raffaele cavadini 2021

Conferenza organizzata dall’Ordine Architetti P.P.C. di Sondrio con il patrocinio del Comune di Morbegno
RAFFAELE CAVADINI architetto
Morbegno
| 23 settembre 2021 | ore 18.00 | Auditorium Sant’Antonio | 2CFP gratuito
Partecipazione in presenza
(obbligatorio Green Pass)
Iscrizioni
_ im@teria entro il 22 settembre

L’architetto Raffaele Cavadini illustrerà la sua attività professionale in Ticino.
Un territorio a noi vicino culturalmente e geograficamente.

Raffaele Cavadini intraprende gli studi di architettura nel 1973-74 presso il Politecnico Federale di Zurigo e successivamente dal 1975 al 1980 si trasferisce all'Istituto Universitario di Architettura di Venezia IUAV dove consegue il Dottorato in Architettura. Dopo un anno di pratica nel 1981 presso lo studio di Aurelio Galfetti a Bellinzona inizia nel 1982 una collaborazione con l’Arch. Luigi Snozzi a Locarno che si protrarrà fino al 1985, anno in cui apre studio in proprio a Locarno.

biografia_ https://www.raffaelecavadini.ch/it/biografia
opere realizzate_ https://www.raffaelecavadini.ch/it/opere-realizzate/morchino

Breve biografia.pdf

OAPPC Monza
Architettura e Memoria: il ruolo degli archivi.
Cesano Maderno c/o Palazzo Arese Borromeo | 22 settembre 2021 | 20.00>23.00 | 2CFP gratuito

Il Centro Culturale Europeo Palazzo Arese Borromeo, con il Patrocinio dell'Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Monza e della Brianza, organizza un ciclo di incontri dal titolo "LA CITTA’ DEI FILOSOFI, LA CITTA’ DEGLI ARCHITETTI, LA CITTA’ DEGLI ABITANTI".

 OBIETTIVI
Il corso di quest’anno,” La città dei filosofi, la città degli architetti, la città degli abitanti”, sarà dedicato a un tema fondamentale: una sorta di cambio di paradigma progettuale con il quale sempre di più questa professione deve fare i conti in relazione con le complessità della nostra vita quotidiana.
Pensare, progettare e abitare la città non possono essere attività separate, affidate a competenze specialistiche, all’interno di compartimenti chiusi e impenetrabili; è necessario riprendere la circolazione dei diversi saperi, come era presente e diffuso nel pensiero e nella pratica del movimento moderno.
Per questa ragione il significato fondamentale del termine “sostenibilità”, oltre che ricondurlo agli aspetti insostituibili di una pratica progettuale che tenga conto di una relazione virtuosa tra natura e artificio, nel segno di un’economia circolare, deve essere integrato attraverso il coinvolgimento di competenze e di esperienze progettuali che tengano conto dei nostri diversi e mutevoli modelli di abitare il mondo. Noi siamo, contemporaneamente, progettisti e abitanti di architetture, siamo anche utilizzatori quotidiani di spazi, strumenti, funzioni dove viviamo, lavoriamo, viaggiamo, studiamo, ci divertiamo.
Per tutte queste ragioni, è necessario rimettere al centro il progettista come abitante, ma anche la riflessione teorica che guida l’azione del fare architettura come professione, in modo tale da essere in grado di affrontare qualsiasi domanda del “committente”, senza perdere di vista mai il riferimento a un orizzonte più ampio, nel quale comunque e sempre le nostre conoscenze specifiche e le nostre specializzazioni devono operare.
Da queste considerazioni si sviluppa il corso di quest’anno che vedrà come protagonisti filosofi, architetti e designer che presenteranno la genesi e lo sviluppo di un’opera, in relazione ai grandi temi dell’ ”abitare il mondo”: dagli archivi al museo, dagli spazi sacri all’ospitalità, dal cibo agli spazi del lavoro, dalla casa alla mostra. Un viaggio nel nostro paese tra design, architettura, oggetti e strumenti.

link: http://ordinearchitetti.mb.it/formazione/offerta-formativa/nuvola-lavazza-a-torino-un-progetto-urbano-polivalente.html

Conferenza OAPPC Monza
Infrastrutture blu verdi nella transizione ecologica presentata da LAND ANDREAS KIPAR
FAD SINCRONO
| 9 settembre 2021 | 18.00>20.00| 2CFP € 15.00=

Architetto, paesaggista e pianificatore, Andreas Kipar è fondatore e Direttore Creativo dello studio internazionale di architettura del paesaggio LAND con sede in Germania, Italia e Svizzera.
Laureato in Architettura del paesaggio presso l'Università GHS di Essen e in Architettura e Urbanistica presso il Politecnico di Milano, dove insegna Public Space Design dal 2009, tiene spesso seminari e lezioni in molte università, tra cui Napoli, Dresda, Venezia, Zurigo, Versailles, Dortmund. È membro a pieno titolo della German Academy of Urban and Regional Planning (DASL), della Association of German Landscape Architects (BDLA), dell'Associazione Italiana degli Architetti del Paesaggio (AIAPP) e dell'Istituto Italiano di Pianificazione Urbana (INU).

Convegno
Dallo studio alla progettazione: esperienze a confronto sul patrimonio culturale in Lombardia
Webinar
| 24 giugno 2021 | 9.30>17.30 | max 500 posti

Regione Lombardia - Direzione Autonomia e Cultura propone il 24 giugno 2021 il terzo convegno SIRBeC dedicato al patrimonio culturale, quest’anno incentrato sulle iniziative di valorizzazione e promozione digitale, sulle opportunità di fruizione da parte delle collettività e su esperienze innovative di comunicazione e promozione culturale.
Tutti gli interventi saranno resi accessibili mediante servizio di interpretariato in Lingua dei Segni Italiana (LIS) in collaborazione con Fondazione Pio Istituto dei Sordi.
L’invito è rivolto a soggetti pubblici e privati che a vario titolo gestiscono i beni culturali in Lombardia, gli enti territoriali, gli istituti e luoghi della cultura, le associazioni culturali e le comunità professionali, il sistema universitario e formativo anche con l’obiettivo di individuare nuove potenzialità degli ambienti digitali e un arricchimento dei servizi già attivi relativi al patrimonio culturale.

Per registrarsi all’evento_ https://islm.adobeconnect.com/ewmkuggl31yd/event/registration.html

Guida con istruzioni dettagliate in italiano_ https://islm.adobeconnect.com/common/help/it/support/meeting_test.htm

Franz Oswald
Architettura come dispositivo di comunità
19 maggio
2021 | ore 15.30

L'Accademia di architettura dedica all'architetto Franz Oswald, professore emerito ETHZ, due incontri pubblici in occasione della pubblicazione di un suo saggio breve dedicato alla Città Ticino.
Link_ http://www.arc.usi.ch/it/news/detail/31099

Fondazione Courmayeur
Architetti e Territori | Enrico Scaramellini in Valchiavenna
Webinar
| 20 maggio 2021 | ore 17.30 | 3CFP

Iscrizioni_https://bit.ly/2RJVeeD 
Locandina.pdf

Conferenza
La città dei 15 minuti. Architettura Bioclimatica, Spazi Urbani e strategie di Rigenerazione
Prof. Carlos Moreno
Webinar | 11 maggio 2021 | ore 17.00

Per accedere Clicca qui 

Locandina.pdf

conferenza
Martino Pedrozzi
Live streaming | 5 novembre 2020 | ore 19.30

Architettura diretta. Pratica e didattica dell'esperienza Introduzione di Nicola Navone

Costruire e dare forma allo spazio comune implica un impegno sociale, un obbligo verso la comunità. Costruire è un atto pubblico, ma che ha inizio necessariamente con un’attività individuale di analisi, riflessione, sintesi. Questo momento preliminare del progetto avviene prima di ogni vincolo, nel contesto ideale del proprio pensiero. Nei casi migliori, poi, il progetto si traduce felicemente anche nel contesto più insidioso del mondo reale. Nella conferenza, Martino Pedrozzi ci illustrerà, attraverso una carrellata di immagini suggestive, proprio quei suoi progetti ideali che si sono riflessi nella realtà in maniera diretta e coerente, quasi immediata: progetti d’architettura sovente minimi, in contesti alpini discosti, realizzati spesso con il suo coinvolgimento personale anche nelle fasi di costruzione, ma anche interventi concepiti e realizzati collettivamente con i suoi studenti dell’Accademia di architettura, in una coerente fusione tra attività professionale e didattica all’insegna dell’esperienza.

Martino Pedrozzi (Zurigo 1971), architetto con studio a Mendrisio, dal 2016 è docente di progettazione all’Accademia di architettura dell’USI, dove ha ideato e dirige dal 2003 il Workshop on International Social Housing (WISH).
Live streaming su Facebook e Vimeo (usiaccademia)

Partire con lo sviluppo sostenibile
Webinar
| 16 novembre 2020 | 14.30>17.00 

Il Rapporto Lombardia 2020 in questa edizione affianca alla lettura dei Goal della Agenda 2030 nella nostra regione, un’analisi delle azioni e una proposta di interventi concreti per la ripartenza dei nostri territori dalle criticità generate nella pandemia Covid. Il quadro interpretativo della Agenda 2030 e i suoi 16 obiettivi sono quindi il “trait de union” per analizzare - da un lato gli ambiti sociale, economico, ambientale in Lombardia e misurare progressi e criticità nel raggiungimento dei target della Agenda 2030, dall'altro rappresentano la trama per l'opera di ricucitura degli strappi che questo difficile anno ha lasciato sul territorio lombardo.

A che punto è Regione Lombardia del percorso verso la realizzazione degli obiettivi ONU 2030 e come può reagire a questo periodo di difficoltà e continuare a immaginare un futuro di crescita e sostenibilità? Come meglio possiamo promuovere le energie e la capacità trasformativa di cui la Lombardia è ricca?  Questo Rapporto Lombardia 2020, nei suoi due volumi, offre una visione dinamica che unisce una istantanea del recente passato, un presente che stiamo ancora cercando di comprendere pienamente e un futuro di cui abbiamo la traiettoria degli obiettivi ONU.

I temi oggetto dei due volumi di questo Rapporto Lombardia 2020 saranno lo spunto degli interventi dei rappresentanti istituzionali di Regione Lombardia e dei testimoni qualificati presenti in qualità di relatori all’evento streaming.

Iscrizioni_ https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfOCbXFvgS1W5T8ICVUFhd2Pgs6EacTgdhQw6iveNz-3W5qFA/viewform

Programma.pdf

Eventi e Formazione

Settembre 2021
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

Questo sito fa uso di cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente e per analizzare i dati di traffico. Cliccando su OK acconsenti al loro impiego in accordo con la nostra cookie policy.