Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Sondrio

Il progetto della Biennale parte da questi fondamentali e si sviluppa in due dimensioni:
una mostra, che sarà allestita a Campo Calabro, in Batteria Forte Siacci e a Messina, in Fondazione Horcynus Orca, esito della raccolta di contributi attivati attraverso una Call to Action internazionale rivolta ad architetti e artisti con lo scopo di elaborare progettualità innovative tra lo Stretto e l’intorno mediterraneo internazionale cinque giornate di dibattiti con personaggi autorevoli del mondo della cultura, dell’architettura e dell’arte, della politica, della scienza e della tecnologia, con l’obiettivo di avviare una relazione permanente tra le città del Mediterraneo in un’ottica di scambio e inclusione degli eventi culturali.
Il nostro ordine ha concesso il patrocinio gratuito all'iniziativa.

Eventi

Programma

Morbegno, Auditorium S. Antonio | 23 settembre 2022 | 15.00>17.30
A dieci anni dalla scomparsa dell'Ing. Giuliano Zuccoli, Società Economica Valtellinese vuole ricordare la sua figura di uomo e di tecnico e il suo percorso di imprenditore, e cogliere l'occasione per uno sguardo verso il futuro dell'energia, tema a cui Giuliano Zuccoli ha dedicato l'intera esistenza.

Locandina.pdf

mostra
ADDA IN VOLO Spunti territoriali dalla sorgente al Lario
Foto con drone di Vincenzo Martegani
Esposizione Premadio  Ferriere Corneliani dal 9 al 30 settembre 2022

Orari di apertura_ giovedì > domenica | 16.00 > 19.00
Inaugurazione_  9 settembre ore 17.30

Agli iscritti degli Ordini Architetti P.P.C., che visiteranno la mostra e firmeranno l'apposito registro, inserendo tutti i dati richiesti, verrà attribuito 1CFP.

 

In mostra opere di Anna Mottarella ed Emanuela Dorsa.
Samaden (CH) galleria Kunstraum Riss | 2 settembre > 11 novembre 2022 | mercoledì > venerdì | 10.00>12.00 e 16.00>18.00

Venerdì 02 settembre, alle ore 17, viene inaugurata presso la  la mostra Sguardi oltre confine.
L’esposizione è visitabile fino all’11 novembre 2022, dal mercoledì al venerdì, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. È possibile, in alternativa, prendere appuntamento contattando 0041 081 852 5558 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La mostra nasce da una collaborazione consolidata tra le due artiste, che da anni intrecciano creatività, idee e progetti lungo il confine italo-svizzero.

Somiglianze e contrasti, legami e cricche, conciliazione e lotta, successo e sofferenza, ammirazione e disgusto spingono a coinvolgere nei pensieri luoghi lontani, tenendo sempre presenti le proprie radici. L’esposizione è espressione di questo spirito di partecipazione attiva all’insieme mondo, per cercare di volgere sempre lo sguardo oltre i confini politici, fisici e mentali.

Sabato 1 ottobre 2022 | 6.30>23.00 | Visita alla 59° edizione dell'esposizione internazionale d'arte | € 85,00
Programma e iscrizioni_ QUI

Locandina.pdf

Donegani, l'ingegnere tra le Alpi - La sfida al Giogo di Stelvio
Valdidentro, Ferrerie di Premadio |  23 agosto > 30 settembre | 16.00>19.00

Mercoledì 24 agosto, presso le Ferriere, alle ore 17.30 si terrà una breve presentazione del percorso espositivo e del lavoro delle scuole a cura di Cristina Pedrana, di Benedetto Abbiati e di Maria Carla Fay.

Locandina

La mostra “Simbiosi" va per i borghi lontani dai principali flussi turistici e dai circuiti dell’arte con opere site specific.

Sarà esposta presso la Torre di Fontanedo dal 29 al 31 di luglio, tra ruderi di un abitato antico nel comune di Colico, dove svetta la torre difensiva dal seducente panorama. Dal 3 al 16 di agosto proseguirà con una mostra diffusa a Corenno Plinio, borgo medioevale dai mille gradini sulle rive del lago di Como. Lì si entrerà in simbiosi con gli abitanti del borgo e insieme a loro si apriranno gli spazi del tempo passato,  dalla canonica alla filanda, passando per vecchie cantine su strada, sparsi ma uniti, per creare nuove relazioni con chi lo desidera, condividendo gli ideali dell’arte, della gioia e della bellezza”.

I sette artisti chiamati a participare sono Paola Bonotto Antonio Caranti Silvia Casavecchia Mattia Dall’Alba Franca Minardi Adua Pellegrini Alessandro Zuliani

Fontanedo

Corenno Plinio

Museo dei Sanatori di Sondalo | apertura 8 luglio > 28 agosto | giovedì, venerdì e sabato | 14.00 > 18.00

Il museo fa parte del Sistema museale della Valtellina.
Un articolato percorso di conoscenza e valorizzazione dell’ex sanatorio più grande d’Europa, patrimonio storico-architettonico europeo, riconosciuto come Luogo del Cuore al X Censimento nazionale FAI 2020.

ll Villaggio Morelli di Sondalo riapre le porte ai visitatori per la dodicesima stagione culturale promossa dall’Associazione culturale Terraceleste, in collaborazione con il Comune di Sondalo, l’azienda ospedaliera Valtellina e Alto Lario e l’APT Sondalo e con il patrocinio del FAI Delegazione di Sondrio e Parco Nazionale dello Stelvio - Lombardia.

L’idea di promuovere, dal punto di vista storico, architettonico e ambientale, il complesso dell’ospedale Morelli ha preso vita più di dieci anni fa con le prime visite guidate da esperti e con le prime conferenze e manifestazioni che hanno posto le basi per la realizzazione e l’apertura del Museo dei Sanatori. L’obiettivo principale è sempre stato quello di valorizzazione del grande complesso, costruito tra il 1932 e il 1939, sia dal punto di vista architettonico che paesaggistico, favorendone la conoscenza a livello locale, nazionale e internazionale. L’ex Villaggio Sanatoriale di Sondalo, infatti, ancora oggi rimane il più rilevante esempio di architettura razionalista in Valtellina e una delle più significative realizzazioni di edilizia sanitaria a livello nazionale ed europeo per dimensione, mezzi, collocazione, per la meticolosa gestione tecnica e la raffinata progettazione esecutiva.

Madonna di Tirano | 1 luglio 2022 | Via Rasica n. 156 | ore 20.30
Jaqueline Ceresoli "Light Art Paradigma della modernità. Luce come ambiene di relazione"
La luce artificiale comprende i concetti di miracolo laico della modernità e di progresso tecnologico .
La luce nell’arte è metafora, simbolo, concetto visibile dell’invisibile, è carica di diversi significati che si materializzano attraverso le possibilità combinatorie tra forma e colore dei supporti luminosi dal neon a sofisticati sistemi digitali per ambienti immersivi e multimediali dall ’appeal scenografico, in cui la partecipazione dello spettatore è parte strutturale dell’opera che si fa relazione.
(da Light Art paradigma della modernità Ed. Meltemi Linee)