Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Sondrio

Centro servizi alla persona, struttura con mini alloggi protetti, asilo nido, mensa e parcheggi.

A partire dal 1° luglio 2020, salvo proroghe attualmente non previste, il limite all’utilizzo dei pagamenti in contanti in unica soluzione scenderà da 3.000 a 2.000 euro.

Contestualmente sarà abbassato anche il minimo edittale delle sanzioni comminabili, ma non per tutti.
Le norme che prevedono l’abbassamento della soglia dei limiti previsti dall’art. 49 comma 1 del DLgs. 231/2007 sono state introdotte, attraverso il nuovo comma 3-bis, dall’art. 18 comma 1 lett. a) del DL 124/2019 convertito (collegato fiscale alla legge di bilancio per il 2020), mentre alle nuove sanzioni è dedicata la lett. b) del citato art. 18.

Nel dettaglio, nella lett. a) si prevede che “A decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, il divieto di trasferimento di contanti e la negoziazione a pronti di mezzi di pagamento in valuta sia riferito alla cifra di 2.000 euro. A decorrere dal 1° gennaio 2022, il predetto divieto e la predetta soglia sono riferiti alla cifra di 1.000 euro”.

Decreti "Cura Italia" e "Liquidità" - Disposizioni d'interesse per il comparto del microcredito

Con il decreto cd. “Cura Italia” e il successivo decreto cd. “Liquidità” sono state accolte istanze, avanzate in questi ultimi anni dall’Ente Nazionale per il Microcredito, finalizzate a sviluppare il settore microfinanziario a supporto del rilancio del mondo professionale e della piccola e media impresa.
In questo momento di emergenza da COVID 19, queste disposizioni assumono un valore strategico per l’Ente, che opera mirando la sua mission al superamento della crisi sociale ed economica relativamente al settore della microfinanza.

Regolamentazione degli accessi e attività di prevenzione incendi presso la sede del Comando dei Vigili del Fuoco di Sondrio.

Regolamentazione accessi Comando Sondrio.pdf

Ridefinizione delle aree pubbliche comprese tra la chiesa parrocchiale di Sant’Ilario ed il nuovo edificio polifunzionale.

Versamento Irap
Non è dovuto il versamento del saldo Irap 2019 e della prima rata dell’acconto, dai contribuenti hanno maturato, nel periodo d’imposta precedente, ricavi non superiori a 250 milioni di euro

Contributo a fondo perduto
È riconosciuto un contributo a fondo perduto ai titolari di partita Iva con ricavi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente, se l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 è inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.
L’importo del contributo è compreso tra il 20 e il 10% della riduzione di fatturato, a seconda dell’ammontare dei ricavi e dei compensi del periodo d’imposta precedente

Istituto Itis Mattei | comunicazione
A seguito del DPCM del 26/04/2020 e in ottemperanza a quanto previsto relativamente la salvaguardia della salute del  personale che opera presso il laboratorio prove materiali, si rende noto quanto segue:
Il laboratorio prove materiali a far data dal 14 maggio 2020 aprirà al pubblico nelle mattine del martedì e del giovedì dalle ore 8:30 alle ore 12:30.
Il ritiro dei campioni da sottoporre a prova avverrà:
- previa prenotazione da effettuarsi nelle giornate e durante gli orari di apertura al pubblico al numero telefonico dell’uffico 0342/210224;
- chiamando gli altri giorni al seguente numero 3248644006; qualora non si potrà rispondere, sarete ricontattati;
- contattando il medesimo numero si potranno avere chiarimenti o indicazioni relativi alle prove.
Sempre con le modalità di cui sopra, si rende noto inoltre che il laboratorio prove è disponibile, sempre su prenotazione, al ritiro dei campioni in cantiere.

Approvazione Regolamento Regionale 25 Marzo 2020, n. 2 recante “Disciplina delle modalità di attuazione e applicazione delle disposizioni in materia di VIA e di verifica di assoggettabilità a VIA ai sensi della l.r. 5/2010 e delle relative modifiche e integrazioni. Abrogazione del r.r. 5/2011".

Regolamento supplemento BURL.pdf

In data 6 aprile 2020 il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto legge che vede, tra le sue misure principali:
- liquidità immediata per le imprese: 200 miliardi saranno destinati al mercato interno e altri 200 all’export
- nuove misure fiscali e contabili: sono sospesi i versamenti dell’IVA, delle ritenute e dei contributi per i mesi di aprile e maggio, in aggiunta al differimento già previsto col decreto “Cura Italia”. 

Il decreto adotta un approccio selettivo.

Ai soggetti, con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto, viene riconosciuta la sospensione dei termini in scadenza nei mesi di aprile e di maggio 2020, qualora si verifichi una diminuzione dei ricavi o dei compensi di almeno il 33% in ciascun mese rispetto all’anno precedente.

La stessa sospensione viene disposta per i contribuenti con ricavi o compensi superiori a 50 milioni di euro, a condizione però che i ricavi o i compensi siano diminuiti almeno del 50%. 

Tali versamenti sono sospesi in ogni caso per i soggetti che hanno iniziato ad operare dal 1° aprile 2019.